Home

Precedente                 Torna ad elenco miniature      Torna ad elenco alfabetico                Successivo

Shirsasana

 

Attenzione:

E' bene essere seguiti da un Maestro per i primi anni di pratica. L'esecuzione di tutte le Asana se fatte male possono arrecare microlesioni o problemi tendineo-muscolari. Cercate un Centro Yoga nella Vostra città e seguite un corso. Il "fai da te" nello yoga è sconsigliato.

Author: Roberto Boschini

Sw Dhyan Nirman

 

Da Vajrasana

 

 

portarsi in Balasana con le braccia distese davanti al corpo e rimanere in questa posizione per alcuni istanti per permettere al sangue di andare verso la testa  con maggiore affluenza.

 

Poggiare la testa con la sommità del capo a terra, mettere le mani dietro alla testa intrecciando le dita.

I gomiti saranno alla giusta larghezza per formare una base stabile. Il collo dovrà essere dritto ma con una leggera curva lordotica naturale. Il peso dovrà essere non troppo verso la fronte, ma nemmeno troppo ditro al capo. Bisogna cercare la giusta posizione che non affatichi il collo e che non faccia cadere il corpo indietro.

 

Portando avanti le gambe arrivare al punto che la schiena è verticale al suolo e poi sollevare con la forza dei lombi, e non facendo un  saltino, le gambe verso l'alto per portale poi verticali al pavimento.

 

Shirsasana si può mantenere anche 10/20 minuti.

da evitare se si hanno problemi alle cervicali, pressione alta, ipertensione, pressione oculare alta o altre patologie gravi.

 

Il respiro sarà lento e naturale. Per sciogliere l'asana ripetere il tutto esattamente al contrario. Non risalire subito, ma rispettare le tappe fatte in modo inverso per permettere ai liquidi del corpo di ritornare gradualmente al loro posto.

Questa Asana stimola molto Shasrara Chakra

 

Il piccolo Amrit Associazione A.s.d. | P.I. 02682000738 | info@ilpiccoloamrit.it | Scuola di Yoga e massaggio: formazione e specializzazione.